Le Cinque Stirpi – Il Primo libro della Tetralogia della Terra Nascosta

LE CINQUE STIRPI (di Markus Heitz)

Voto del Recensore: 9/10

 

Un libro per tutti coloro cui piace la lettura fantasy, in particolar modo le storie stile “Signore degli Anelli” e vorrebbero vedere ribaltate le gerarchie in cui i nani sono semplici comparse della storia.

 

Era giugno di qualche anno fa, quando, passando in libreria alla ricerca dei libri assegnatimi dalla mia professoressa di italiano, incappai in “Le cinque stirpi”. La copertina raffigurante una poderosa ascia da guerra di pregevole fattura su uno sfondo di un cielo verde scuro, attirò subito la mia attenzione, e la fascetta con scritto “Il romanzo che è già un classico – 300.000 copie vendute in Germania” non fece altro che invogliarmi a prendere in mano quel libro costituito da 635 pagine ed ad iniziarlo a sfogliare. Dopo una fugace lettura delle prime righe del prologo ed una rapida visione della struttura del libro, decisi di aggiungerlo alla già cospicua pila di libri che avevo in mano ed alla non meno lunga lista di volumi da leggere. …

Dopo alcuni mesi (ovvero a settembre), trovai il tempo per riprendere in mano il libro dello scrittore tedesco Markus Heitz.

La lettura della trama in seconda di copertina subito mi lasciò un po’ perplesso riportandomi infatti alla mente la trama principale del Signore degli Anelli, ma decisi che valeva la pena iniziare la lettura e valutare il livello del plagio… dopotutto, se non era esplicitamente accennata questa somiglianza ci sarà stato un motivo…

 

Primo libro di una tetralogia incentrata sulle vicende della Terra Nascosta, Le Cinque Stirpi entrerà prepotentemente nella storia della letteratura fantasy per esser stato uno dei primi ad aver posto come protagonisti i nani. Nel libro essi, pur mantenendo i canoni a loro tipici, acquistano una personalità propria: non solo ogni nano è unico per il suo modo di agire e pensare, ma anche per la stirpe cui appartiene che gli conferisce le peculiari abilità che contraddistinguono appunto il suo Clan. Inoltre, Markus Heitz sfata il mito del “nano cuore di pietra”, aprendo al lettore i sentimenti, le passioni e i segreti dei piccoli difensori della Terra Nascosta; descrivendo poi per la prima volta una nana, lo scrittore tedesco aggiunge un tocco di unicità alla storia.

Ma la vera abilità dell’autore risiede nel creare intrecci, sia narrativi sia storici, che non lasciano nulla al caso e permettono al lettore di sapere quel tanto sufficiente affinché si appassioni alla vicenda e ai personaggi, esultando per ogni loro vittoria e gemendo ad ogni nuovo ostacolo sul loro cammino. Gli innumerevoli colpi di scena, inoltre, permettono a Heitz di creare atmosfere drammatiche che “costringono” a continuare una lettura che si fa di capitolo in capitolo sempre più avvincente, caratterizzata anche da descrizioni d’ambienti meravigliosi e d’epiche battaglie sanguinarie che aprono alla fantasia grossi spiragli d’immaginazione e fantasticherie.

Nonostante gli ambienti e la prima parte del racconto richiamino palesemente i corrispettivi del Signore degli Anelli, il libro riesce a distinguersi da ogni altro del suo genere e ad acquisire una personalità propria.

Difetti? Forse un po’ troppo lento nella parte centrale e troppo sbrigativo nella presentazione del mondo; la cartina all’inizio del libro ed il riepilogo dei personaggi, inoltre, lasciano un po’ a desiderare.

Azzeccatissima d’altro canto la scelta del narratore onnisciente che descrive la storia da diversi punti di vista, permettendo al lettore di saperne sempre più dei personaggi e procurandosi un ottimo pretesto per interrompere la storia sul più bello.

Nei tre volumi successivi a questo (La Guerra dei Nani, La Vendetta dei Nani e Il Destino dei Nani), la storia ha ormai completamente acquisito un’autonomia sua, distaccandolo completamente dal suo primo ispiratore: Il Signore degli Anelli. Difatti, in questi nuovi libri che sono scritti per essere letti abbastanza facilmente senza aver letto gli altri, si raccontano gli sviluppi narrativi che si susseguono alle vicende precedentemente narrate. Nulla è affidato al caso e l’affetto per i personaggi (fra cui uno in particolare che ricorda in maniera molto originale il ben noto Obelix) cresce viepiù. E nulla è scontato. Ogni vicenda è particolare, unica e non meno bella della precedente.

Si spera solo che la versione cinematografica del primo libro (che dovrebbe uscire entro non molto tempo) riesca a rendere bene la vicenda.

 

La Terra Nascosta è un paese pacifico in cui vivono in (quasi) armonia Elfi, Uomini, Maghi e Nani. I confini di questo regno son ben protetti da cinque cancelli, che sono costantemente sorvegliati dai cinque regni dei nani che vivono nelle montagne ai confini del paese. Tutto sembra andare per il meglio, quando, in seguito ad un massiccio attacco di orchi, mezz’orchi, troll ed albi (elfi votati al male), e a un tradimento, il cancello settentrionale viene spalancato al male e i Quinti, la stirpe dei nani alla sua difesa, viene sterminata.

Da allora la Terra Nascosta entra nel disordine: la Terra Estinta, ossia i luoghi in cui il male è riuscito a penetrare, è sempre più vasta e le persone uccise in essa ritornano al suo servizio andando ad incrementare le fila di un potentissimo esercito di non-morti quasi invincibile che affianca le orde di  mezz’orchi e albi che cercano di seminare il caos e di estendere i domini della Terra Estinta loro padrona.

Uomini ed elfi son costretti a ritirarsi in regni sempre più piccoli ed insidiati dal male, mentre i nani continuano a pensare solo a difendere i propri domini.

All’epoca della narrazione, i sei maghi decidono di ritrovarsi per irrobustire le difese magiche, ma uno di loro, il più potente, li tradisce tutti. Sembra ormai che nulla possa fermare l’avanzata della Terra Estinta. Ma nel frattempo le stirpi dei nani si riuniscono per eleggere un nuovo imperatore. L’attuale in carica, che però non è soddisfatto dei progetti del suo legittimo successore che, istigato dal suo consigliere, vorrebbe portare una guerra contro gli elfi, con un abile stratagemma sospende l’elezioni e, in seguito a vari e numerosi colpi di scena, Tungdil, il nano cresciuto nella casa di uno dei maghi traditi, nel bel mezzo di un semplice viaggio di lavoro, si ritroverà a conoscere per la prima volta altri nani, a venire a conoscenza del segreto per riportare la pace nella sua patria e a lottare per un titolo che mai più avrebbe immaginato poter acquisire. Tungdil dovrà così attraversare l’intera Terra Nascosta affrontando innumerevoli ostacoli e peripezie assieme ad una compagnia alquanto eterogenea per acquisire la Lama di Fuoco, la sola arma in grado di annientare il traditore e liberare così la Terra Nascosta. …

 

Una lettura, quella di questa tetralogia dei colpi di scena (e ogni pagina è un nuovo colpo di scena del tutto inaspettato), che consiglio a tutti gli appassionati del fantasy!

               

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...