Regno di Spagna

LA BANDIERA:
La bandiera spagnola è divisa in tre bande orizzontali: rosso, giallo e rosso, con la parte gialla di dimensione doppia rispetto a quelle rosse. Le bandiere e le insegne di stato e di guerra devono essere caricate dello stemma spagnolo, mentre la bandiera civile ne è sprovvista, anche se lo stemma può essere messo a piacimento. Lo stemma deve essere collocato ad una posizione corrispondente ad 1/3 della lunghezza della bandiera partendo dall’asta, e non deve superare in altezza i due quinti dell’altezza della bandiera.
La storia: L’origine dell’attuale bandiera spagnola risale all’insegna navale del Regno di Spagna del 1785, il Pabellón de la Marina de Guerraissato dalle navi di Carlo III di Spagna.
Lungo il XVIII, XIX e XX secolo, questo schema di colori rimase intatto, vedendo alterati soltanto gli stemmi che venivano di volta in volta posizionati nella bandiera. Nella bandiera moderna oltretutto lo stemma è decisamente semplificato rispetto alle versioni passate.
Il significato: I colori sono tratti dall’antica tradizione araldica spagnola, in particolare dagli stemmi di Castiglia (di rosso al castello aureo), di Aragona (d’oro ai quattro pali rossi) e di Navarra (di rosso alla catena d’oro).
LO STEMMA:
Lo stemma della Spagna è lo stemma ufficiale di stato del Regno di Spagna. Lo stemma attuale è stato istituito in sostituzione dello stemma precedente, che risaliva al 1977. Le sei parti che compongono lo scudo ripercorrono oltre mille anni di storia della Spagna.
La storia: Lo stemma ebbe origine nel 1475, quando Ferdinando II di Aragona e Isabella di Castiglia scelsero l’antica aquila di san Giovanni come scudo. Nello scudo vennero poi rappresentate le due maggiori entità statali della penisola iberica del tempo: lo stemma del Regno di Castiglia e lo stemma del Regno d’Aragona.
Il significato: Ognuno dei quattro quadranti rappresenta uno dei quattro regni che furono riuniti per formare la prima vera Spagna nel XV secolo, ovvero nell’ordine, Castiglia, rappresentata dal castello, León, identificato nello storico leone, Aragona, rappresentata dalla celebre Senyera, ed infine Navarra, richiamata dalle catene unite. Anche l’antico regno moro di Granada è inserito nel fondo dello stemma, con un frutto di melograno. Il fleur de lys in palo posto al centro degli stemmi dei regni rappresenta la casa reale regnante dei Borboni, mentre le due colonne a lato dello scudo accompagnate dal motto “plus ultra” richiamano le scoperte e le conquiste spagnole in America: le colonne infatti sono le mitologiche Colonne d’Ercole poste sullo Stretto di Gibilterra. Lo storico e tradizionale motto “Plus Ultra” rimpiazzò il precedente “Non Plus Ultra” (“Non oltre qui”) che campeggiava prima della scoperta dell’America, dato che la Spagna era considerata “il punto più occidentale” della Terra.

LA CAPITALE: Madrid
LA MONETA: Euro
LA LINGUA: Spagnolo
FORMA DI GOVERNO: Monarchia Parlamentale
IN UE DAL: 1 Gennaio 1986
NELL’ONU DAL: 14 Dicembre 1955
NELLA NATO DAL: 30 Maggio 1982

L’INNO NAZIONALE: Marcia Reale
FESTA NAZIONALE: 12 Ottobre
I CONFINI: Andorra, Francia, Gibilterra (U.K.), Marocco, Portogallo (5)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia e curiosità e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Regno di Spagna

  1. moreno ha detto:

    mi piace molto lo stemma !!!!!!!!!!!!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...